Vola Caniggia, il coro della Curva Nord

Vola Caniggia Vola è il coro della Curva Nord di Bergamo, una canzone per omaggiare Paul, l’attaccante argentino dell’Atalanta.

La canzone dei tifosi orobici è fantastica e riscuote successo in tutti i settori dello stadio Atleti Azzurri d’Italia, Caniggia fa gol e la tifoseria impazzisce e canta!

Ecco il video del coro Vola Caniggia, girato alla festa della Dea, dal minuto 3.06:

Le parole del coro dei tifosi dell’Atalanta sono:

“Vola, Caniggia vola,

elimina l’ Italia

e portaci in Europa

col sachelì de coca

Caniggia vola”

Che goliardia a Bergamo!

Dietro ad un bel coro dei tifosi di calcio c’è musica di livello

Per questo coro gli ultras della Nord si sono ispirati ad un disco del momento, degli anni 80, la sigla di un programma tv; le note sono quelle di “La notte vola” di Lorella Cuccarini:

Claudio Paul Caniggia:

è un uomo di mezza età, il 9/1 compie gli anni, ma non lo definirei un “signore”…vive in Spagna e segue il figlio che fa il pilota di go-kart.

Di Caniggia ricordiamo:

Questa sua bravata gli costò 13 mesi di squalifica e gli negò la possibilità di confermarsi nel campionato più bello del mondo.

Palmares e vita calcistica

Il calciatore, scuola River Plate, esordisce in prima squadra nel 1985, ma deve aspettare l’anno successivo per diventare titolare; lo sarà fino al 1988, anno in cui i trasferisce in Italia, più precisamente a Verona. Tirando una somma tra l’ esperienza in patria e quella all’ Hellas  raccimola solo 74 presenze ed appena 11 reti in 4 anni: uno scandalo per una punta!

Ma l’ occasione arriva anche per lui, viene aquistato dall’ Atalanta e dimostra che gli basta spostarsi di 100km per dimostrare che è uno che vale. A Bergamo vive il suo periodo migliore e si trova in una delle migliori stagione per la Dea, potendo presenziare anche in Coppa Uefa. Si tiene stretto il posto in nazionale albiceleste, conquistato con l’esordio nel 1987, ed in 3 anni all’ Atalanta realizza 26 reti.

Nel 1992 si trasferisce a Roma, sponda giallorossa, lasciando pochi ricordi degni di nota:

Dopo un anno di squalifica lascia la capitale con destinazione Lisbona; tra le fila del Benfica  23 presenze ed otto reti. Nel 1995 torna in patria, tradendo le sue origini calcistiche si accasa con il Boca Juniors dove ritrova Diego Maradona. Qui espolode con 34 realizzazioni in 74 presenze..ma anche qui c’è un giallo, nella stagione 1996/97 rimane ai box un anno, senza infortunei, e torna l’anno successivo; forse c’era qualcosa da nascondere?

Nel 1999 fa il ritorno nella amata Bergamo, seppur in serie B, ma non va come avrebbe dovuto e la stagione successiva è ceduto al Dundee fc. Anche qui solo 12 mesi e con la media di un goal ogni tre presenze, parte per altra destinazione sempre in terra scozzese: Glasgow Rangers. Nel 2003 decide di abbandonare il calcio che conta per andare dove contano i dollari del greggio e si accasa al Qatar Club Dubai.

Il palmares di Claudio è ricco di una Coppa America, una Confederation Cup, due Coppe di Scozia, due Coppe di Lega scozzese, una Scottish Premier League ed un campionato argentino. Direi positivo!

3 pensieri riguardo “Vola Caniggia, il coro della Curva Nord

  • 18 Ottobre 2011 in 09:55
    Permalink

    ci somigliava pure un pò alla cuccarini eh! 😉

    Risposta
  • 11 Febbraio 2012 in 17:02
    Permalink

    Grandissimo CLAUDIO RAUL!!!
    Dicono che il suo secondo nome era RAUL ma e stata cancellata la barretta dell R per diventare Paul cosi suonava più figo.
    Lo ricordo benissimo abitavo a Buenos Aires a 1km dello stadio del River in un condominio dove il River aveva degli appartamenti che dava ai giocatori, io ero al 4 piano lui abitava al 6, quando mio padre mi portava a scuola mentre ero nel ingresso del palazzo aspettando mio padre che andava a prendere la macchina nel garage a 200 metri arrivava lui sempre di corsa verso le 7 del mattino, lo scaricavano di un taxi e poi in 2 minuti saliva e tornava su con la tuta del River che lo passavano a prendere per portarlo a fare allenamento!
    Complimenti per il post ma c’e un piccolo errore, l’Italia del 90 non era del Trap ma secondo me era Azeglio Vicini

    Risposta
    • 11 Febbraio 2012 in 18:09
      Permalink

      era di di Vicini al 100%! I’m sorry. Correggo subito e..faccio tre giri di campo per punizione.
      Mi immagino un Caniggia alla riunione di condominio 😉

      Risposta

Rispondi a Daniele Annulla risposta