La Curva romanista canta Lella

ultras roma canzoneE te lo vojo di che so stato io” comincia così Lella, la canzone che canta la Curva Sud romanista, fornendo un ottimo esempio di come ultras e musica vadano d’accordo.

Ecco il video del coro della tifoseria della Roma, nella partita casalinga contro il Chievo Verona della stagione 2014/15:

Lella viene cantata con molto trasporto dai tifosi giallorossi, ma perchè?

Perchè è simbolo di romanità. Non soltanto il testo in dialetto, ma anche il modo di cantare e la storia che si cela dietro i brano, quella di un uomo che ha ucciso una donna..il famamo “femminicidio” per usare una parola che va molto in voga ultimamente. La canzone è stata presentata nel 1971 al Cantagiro da Edoardo De Angelis e Stelio Gicca Palli.

Sono molte le versioni che si sono susseguite negli anni, da quella dei Vianella a Paola Turci, passando per Antonello Venditti e Lando Fiorini, storici tifosi della Roma, oltretutto.

Ecco di seguito l’originale, il 45 giri pubblicato da etichetta Valiant nel 1970:

Tutto da cantare questo testo che nasconde una storia attuale, vera, realista, romana..delle parole dalle quali emerge l’omertà, nobile prerogativa degli abitanti dell’Urbe:

Te la ricordi Lella quella ricca
La moje de Proietti er cravattaro
Quello che cia’ er negozio su ar Tritone
Te la ricordi te l’ho fatta vede
Quattr’anni fa e nun volevi crede
Che ‘nsieme a lei ce stavo proprio io
Te la ricordi poi ch’era sparita
E che la gente e che la polizia
S’era creduta ch’era annata via
Co’ uno co’ più sordi der marito…
E te lo vojo di’ che so’ stato io
E so’ quattr’anni che me tengo ‘sto segreto
E Te lo vojo di’ ma nun lo fa sape’
Nun lo di’ a nessuno tiettelo pe’ te
Je piaceva anna’ ar mare quann’è inverno
Fa’ l’amore cor freddo che faceva
Però le carze nun se le tojeva
A la fiumara ‘ndo ce sta er baretto
Tra le reti e le barche abbandonate
Cor cielo griggio a facce su da tetto
Na matina ch’era l’urtimo dell’anno
Me dice co’ la faccia indifferente :
Me so stufata nun ne famo gnente
E tireme su la lampo der vestito…
E te lo vojo di’ che so’ stato io
E so’ quattr’anni che me tengo ‘sto segreto
E te lo vojo di’ ma nun lo fa sape’
Nun lo di’ a nessuno tiettelo pe’ te
Tu nun ce crederai nun ciò più visto
l’ho presa ar collo e nun me so’ fermato
che quann’è annata a tera senza fiato…
Ner cielo da ‘no squarcio er sole è uscito
e io la sotterravo co’ ‘ste mano
attento a nun sporcamme sur vestito.
Me ne so’ annato senza guarda’ ‘ndietro
nun ciò rimorsi e mo’ ce torno pure
ma nun ce penso a chi ce sta la’ sotto…
io ce ritorno solo a guarda’ er mare…
E te lo vojo di’ che so’ stato io
E so’ quattr’anni che me tengo ‘sto segreto
E te lo vojo di’ ma nun lo fa sape’
Nun lo di’ a nessuno tiettelo pe’ te?

 

 

Lascia un commento