Forza Roma, il coro con musica di Lella

I tifosi della Roma cantano un coro sulla melodia di un brano della tradizione musicale romana.

La Curva Sud è solita inneggiare alla propria squadra del cuore con un “forza Roma” e sono tanti i modi in cui lo fa; uno di questi è sulle note del brano Lella. Chiaramente quello preso in considerazione è soltanto lo spezzone del ritornello, che poi è la parte migliore sia musicalmente parlando che per quel che riguarda il significato del testo “e te lo vojo di che so stato io e so 4 anni che me tengo sto segreto.. E te lo vojo di, ma nun lo fa sape’, nun lo di a nessuno, tiettelo pe’te!”

Lella

Si tratta non soltanto di un brano musicale, ma di un messaggio diretto ai romani e diretto dai romani verso chi dell’Urbe non è. “non lo di a nessuno tiettelo pe’te” è un motto, una sacralità della romanità, l’omertà. Dalle strade allo stadio il passo è breve e questo concetto trova spazio ed alta considerazione nell’ambiente del tifo organizzato. Lella esce in un vinile 45 giri nel 1970 per l’etichetta musicale Valiant e la sua versione originale è di Edoardo e Stelio. Il disco fu censurato e dovette uscire in una nuova versione che non comprendeva le ultime 4 strofe del testo. In effetti le parole, in dialetto, raccontano una storia dura, la confessione ad un amico di un omicidio su una spiaggia; a dirla bene dell’uccisione di una donna, l’amante, che voleva lasciare il narratore il 31 dicembre. Qualcuno ha definito questa storia pasoliniana, noi la accostiamo al neo-realismo. Sono tante le cover della canzone famose, come non citare quelle dei romanisti Lando Fiorini o Antonello venditti, ma una della più belle è quella dei Vianella. Va specificato che, essendo così impregnato di romanità, la Curva Sud canta Lella, anche per esteso e seguita da tutto lo stadio.

Te la ricordi Lella quella ricca
La moje de Proietti er cravattaro
Quello che cia’ er negozio su ar Tritone
Te la ricordi te l’ho fatta vede
Quattr’anni fa e nun volevi crede
Che ‘nsieme a lei ce stavo proprio io
Te la ricordi poi ch’era sparita
E che la gente e che la polizia
S’era creduta ch’era annata via
Co’ uno co’ più sordi der marito…
E te lo vojo di’ che so’ stato io
E so’ quattr’anni che me tengo ‘sto segreto
E Te lo vojo di’ ma nun lo fa sape’
Nun lo di’ a nessuno tiettelo pe’ te
Je piaceva anna’ ar mare quann’è inverno
Fa’ l’amore cor freddo che faceva
Però le carze nun se le tojeva
A la fiumara ‘ndo ce sta er baretto
Tra le reti e le barche abbandonate
Cor cielo griggio a facce su da tetto
Na matina ch’era l’urtimo dell’anno
Me dice co’ la faccia indifferente:
Me so stufata nun ne famo gnente
E tireme su la lampo der vestito…
E te lo vojo di’ che so’ stato io
E so’ quattr’anni che me tengo ‘sto segreto
E te lo vojo di’ ma nun lo fa sape’
Nun lo di’ a nessuno tiettelo pe’ te
Tu nun ce crederai nun ciò più visto
l’ho presa ar collo e nun me so’ fermato
che quann’è annata a tera senza fiato…
Ner cielo da ‘no squarcio er sole è uscito
e io la sotterravo co’ ‘ste mano
attento a nun sporcamme sur vestito.
Me ne so’ annato senza guarda’ ‘ndietro
nun ciò rimorsi e mo’ ce torno pure
ma nun ce penso a chi ce sta la’ sotto…
io ce ritorno solo a guarda’ er mare…
E te lo vojo di’ che so’ stato io
E so’ quattr’anni che me tengo ‘sto segreto
E te lo vojo di’ ma nun lo fa sape’
Nun lo di’ a nessuno tiettelo pe’ te?

Lascia un commento