Coro ultras Curva Nord Catania sul Vulcano

ultras catania curva nord

Il coro della Curva Nord di Catania, tana degli ultras etnei, Il vulcano è la terra che amiamo nasce sulle note di un disco del 1932.


La canzone dei tifosi rossoblu, intonata allo stadio Massimino è un inno per la propria terra ed esalta le proprie origini, quelle di cittadini delle pendici del vulcano Etna. La Curva Nord adotta per questa canzone note e melodia di un brano musicale molto vecchio: Tanto pe’cantà.

Si tratta di una canzone scritta da Ettore Petrolini ed Alberto Simeoni in dialetto romanesco che, seppur allegra, nasconde un po’d’amarezza, in tipico stile romano. Il testo cita una canzone senza titolo scritta proprio per rallegrasi la vita:

pe fa’ la vita meno amara
me so comprato ‘sta chitara
e quanno er sole scenne e more
me sento un core cantatore
la voce e poca ma intonata
nun serve a fa na serenata
ma solamente a fa’n maniera
de famme un sogno a prima sera
uh uh, uh, uh..
tanto pe canta’
perche me sento un friccico ner core
tanto pe sogna’
perche ner petto me ce naschi un fiore
fiore de lilla’
che ma riporti verso er primo amore
che sospirava a le canzone mie
e me rintontoniva de bucie
canzone belle e appassionate
che roma mia m’ha ricordate
cantate solo pe dispetto
ma co na smania drento ar petto
io non ve canto a voce piena
ma tutta l’anima e serena
e quanno er cielo se scolora
de me nessuna s ennamora..
tanto pe canta’
perche me sento un friccico ner core
tanto pe sogna’
perche ner petto me ce naschi un fiore
fiore de lilla’
che ma riporti verso er primo amore
che sospirava a le canzone mie
e me rintontoniva de bucie!
tanto pe canta’
perche me sento un friccico ner core
tanto pe sogna’
perche ner petto me ce naschi un fiore
fiore de lilla’
che ma riporti verso er primo amore
che sospirava a le canzone mie
e me rintontoniva de bucie

Non è un caso che Tanto pe’cantà è stata oggetto di tantissime cover, da Gabriella Ferri ai Vianella, passando per Gigi Proietti e Renzo Arbore.

Lascia un commento