Bella Ciao e la Juventus di Sarri

La musica di Bella Ciao accompagna i calciatori e lo staff della Juventus di Maurizio Sarri.

In casa Juve sono tanti i calciatori che, quest’anno e negli ultimi anni, si sono cimentati in prove canore, talvolta anche di buon livello..ma stavolta c’è di più, è il nuovo allenatore, l’empolese Sarri ex Chelsea, a volere che tutti cantino insieme il brano scelto da lui:

Bella Ciao

L’esecuzione, filmata,con tanto di balletto e coro con battito di mano che accompagna, però non riguarda una canzone a caso, ma un inno politico. Attenzione, non saremo noi a parlare mai di politica, ma ci limitiamo come sempre a anarrare gli avvenimenti…o al massimo a tentare di dare una spiegazione. I titoli dei giornali effettivamente riportano la notizia con faziosità, perchè Sarri ha fatto cantare ai nuovi acquisti (o ritorni, come nel caso di Gigi Buffon) anche altre canzoni come Volare o Despacito.

La casa di carta

Va anche detto che Bella Ciao, simbolo di una parte politica bel definità e di un periodo storico ben preciso, in questo contesto è stato richiamato soltanto perchè sigla di un telefilm molto in voga. Già, dapprima in Argentina, poi in tutto il sud america ed ora in Europa, La casa del Papel, ha conquistato il grande pubblico. Italianizzato in La casa di carta, il telfilm, riprodotto da Netflix dal 2017, è alla terza stagione e ce ne sarà una quarta nel 2020. Della serie TV, anche chi non l’ìha vista conosce 2 aspetti, la maschera di Dalì che viene utilizzata da alcuni personaggi per non farsi riconoscere e la sigla, la musica tutta italiana di Bella Ciao.

Nata come czanzone delle mondine o presa da un canto popolare piemontese, la canzone diventa poi l’inno del movimento italiano partigiano e allarga il suo bacino di utenti nel 1947, quando, in un festival nella Praga comunista post bellica, viene presentata al pubblico dell’est Europa. Tradotto in tantissime lingue e diventato inno di protesta è stata ogetto di cover importanti come i Modena City Ramblers, la Banda Bassotti, RedSka, i ChumbaWamba, Radici nel Cemento etc..

Bella Ciao ed il calcio

Questa canzone è molto legata la mondo del calcio e più che altro Bella Ciao è un brano che viene cantato spesso negli stadi entrando nel fantastico mondo del calcio e la musica. E’ noto a tutti che alcuni ultras di sinistra cantano Bella Ciao come la Curva Nord di Livorno, ma dovrebbe essere sempre facile ricordare che un po’ tutte le tifoserie al di là della connotazione politica, usano le note del brano per alcuni cori da stadio come il “e chi non salta è..” o altri testi, ad esempio la Curva Sud Siberiano di canta “siamo nati salernitani e moriremo sempre ultrà” . C’è da aggiungere però un dettaglio importante e relativamente nuovo, sempre legato al fenomeno culturale che è diventata la serie TV Casa del papel, cioè che alcuni tifosi di nazionalità non italiana usano Bella Ciao per festeggiare o per incitare i propri beniamini come i brasiliani nel coro contro Messi ed i rivali argentini e non sotlanto in sudamerica, ma adderittura in Marocco, come nel caso del mondiale 2018.

Una mattina mi son svegliato,
o bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao!
Una mattina mi son svegliato 
e ho trovato l’invasor.O partigiano portami via,
o bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao
o partigiano portami via
che mi sento di morir.E se io muoio da partigiano,
o bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao,
e se io muoio da partigiano
tu mi devi seppellir.Seppellire lassù in montagna,
o bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao,
seppellire lassù in montagna
sotto l’ombra di un bel fior.E le genti che passeranno,
o bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao,
e le genti che passeranno
mi diranno «che bel fior.»Questo è il fiore del partigiano,
o bella ciao, bella ciao, bella ciao ciao ciao,
questo è il fiore del partigiano
morto per la libertà

Lascia un commento