No pyro, no party si canta a Ellen Road

I tifosi del Leeds cantano in coro allo stadio Ellen Road No pyro, no party, con la musica di Seven Nation Army.

C’è poco da aggiungere, il motto dei motti dei tifoosi di calcio, la frase che unisce tutti in ogni nazione, una liberazione, una richiesta esplicità di fare quello che ci piace. Senza i fumogeni o le torce non c’è festa sulle gradinate, lo sanno tutti. Ed ecco allora che i Peacocks cantano così:

Le note musicali dellla canzone dei fan del Leeds

Non c’è dubbio, si tratta di seven nation army dei White Stripes, singolo del 2003 e4stratto del disco Elephant, pubblicato dall’etichetta XL Recordings. Un riff indimenticabile! Una canzone coverizzata da tanti, suonata ovunque e che non stanca mai..un brano presente nell’ambito calcistico nazionale ed internazionale, grazie al lancio della Curva Sud romansit a Brugges nel 2006. Come diventa un coro da stadio? Semplice, i tifosi intonano il ritornello del brano che lo speaker dell’impianto suona a seguito del gol di Simone Perrotta. Da li, la canzone si diffonde tra le tifoserie di mezzo mondo, noto come Po-po-po-po-popo-po-po!

I’m gonna fight ‘em all
A seven nation army couldn’t hold me back
They’re gonna rip it off
Taking their time right behind my backAnd I’m talking to myself at night
Because I can’t forget
Back and forth through my mind
Behind a cigarette
And the message coming from my eyes
Says leave it aloneDon’t want to hear about it
Every single one’s got a story to tell
Everyone knows about it
From the Queen of England to the hounds of hellAnd if I catch it coming back my way
I’m gonna serve it to you
And that ain’t what you want to hear
But that’s what I’ll do
And the feeling coming from my bones
Says find a homeI’m going to Wichita
Far from this opera for evermore
I’m gonna work the straw
Make the sweat drip out of every pore
And I’m bleeding, and I’m bleeding, and I’m bleeding
Right before the lord
All the words are gonna bleed from me
And I will sing no more
And the stains coming from my blood
Tell me go back home

Lascia un commento