Musica reggae e calcio con Ajax ed il figlio di Bob Marley

figlio bob marley ajax

Il figlio di Bob Marley, Ky-mani, ha cantato Three little birds, mitico 45 giri del padre allo stadio di calcio Amsterdam Arena.

Era il giorno della coppa, di Ajax v Aek Atene e la società dei lancieri ha voluto così deliziare la tifoseria e fomentare i calcitori…che infatti hanno vinto di 3 gol di scarto e senza subire una rete.

Tutti i tifosi presenti alla Johan Cruyff Arena hanno cantato sulle note del brano reggae, divenuto un vero e proprio inno per i sostenitori dei biancorossi..una canzone che va da se, se l’ascolti anche una sola volta, ti viene da ballare e da cantare. Non è certamente la prima volta che i fans dell’Ajax cantano questo pezzo, in rete è pieno di video e noi ne abbiamo parlato già..e pensare che il tutto accadde per caso, quando durante una trasferta europea lo speaker dello stadio nell’intervallo trasmise questa traccia reggae.

Però stavolta è stato diverso, perchè il pubblico poteva andare a , perchè a cantare dal campo era un Marley, Ky-mani, uno dei figli del grandissimo Bob..e poi proprio perchè ci piace parlare sempre di calcio e musica, non si può non dire che il grande Bob, al secolo Robert Nesta Marley, era un appassionato del football (ed anche di questo abbiamo già parlato).

Three LIttle Birds

la canzone è uno dei successi più importanti del cantante, uscita con il 33 giri Exodus per l’etichetta musicale Tuff Gong nel 1980, ancora fa parlare di se. Al di là di ritmo e melodia, quel che più affascina è il testo, o meglio, la storia del testo. Le parole parlano di 3 uccellini che ogni volta che l’artista andava in cortile a fumare una canna, apparivano per beccare le piccole parti di semi che cadevano dallo spinello..ilc antante ha poi paragonato le tre bestioline alle tre coriste dei Wailers: Rita, la moglie, Judy Mowatt e la fantastica Marci Griffiths. Tra le varie cover ci piacciono quella dei Maroon 5 e Robbie Williams…anch’esso grande appasionato di football e tifosissimo di una suadra inglese.

E tu, cosa ne pensi?