Coro ultras Curva Sud Reggiana e musica blues

curva sud reggiana ultras ghetto teste quadre

Un coro ultras della Curva Sud per la Reggiana e le note di musica blues risuonano allo stadio di Reggio Emilia Mapei, già Giglio e già Tricolore.

Che bomba questa accoppiata tifo – musica blues!

Il coro dei tifosi granata dell’AC Reggiana 1919 è senza parole, ma è vera,mente d’effetto e precedete il nome della squadra scandita più volte da tutti i presenti in gradinata: “Reggiana, Reggiana, Reggiana!”

Ecco qui il video girato nel 2014 durante il trofeo Tim; un’occasione ben sfruttata dagli ultrà reggiani per mettersi in mostra in situazioni che più si sposerebbero con la loro tradizione calcistica e di tifo:

Se per te non sembrano solo versi che non dicono nulla, continua a leggere, perchè questo pezzo vocale è un grande riferimento musicale e cinematografico!

I Blues Brothers!!!


Parliamo di un film mitologico!
Di nuovo quindi il legame tra ultras e film!
I Blues Brothers nacquerò come band musicale formata da Dan Aykroyd e John Belushi nel 1978, un duo blues e soul e solo 2 anni dopo venne girata una delle pellicole più belle delle cinematografia, il film omonimo!
Ricordi la trama? Se non la ricordi è una buona occasione per rivederti il film, non te ne pentirai.
Il brano legato al coro del tifo reggiano si sente a questo punto del film:

…Grazie allo sforzo pubblicitario, il Palace Hotel è gremito di pubblico, ma tra gli spettatori s’appostano anche i Good Ole Boys, i poliziotti Daniel e Mount, il loro collega Mercer e molti altri agenti che sperano di catturare i Blues Brothers. Mentre Jake ed Elwood sono costretti a passare dal bagno delle donne per entrare al Palace Hotel eludendo la sorveglianza, la folla si spazientisce per l’attesa e quindi Curtis ha l’idea di eseguire con la band Minnie the Moocher, vecchio successo del 1931 di Curtis/Calloway al Cotton Club (infatti la scena viene girata come se fosse ambientata in quel locale, esattamente negli anni trenta)…

Minnie the Moocher

La canzone originale, che rifanno le Teste Quadre e gli ultras della Sud di Reggio Emilia è stata incisa in un disco a 45 giri nel 1931 per l’etichetta musicale Brunswick dal jazzista Cab Calloway. Fu proprio questo cantante che, sfruttando le improvvisazioni date dal jazz live, improvvisò il gioco vocale di chiamata e risposta, un po’come si fa negli stadi ora per tifare, il cantante dice una cosa ed il pubblico risponde..in questo caso era il turno di “ari, ari, ari oh!” etc
Sono tante le cover e le citazioni di questa canzone, noi vi riportiamo solo questa:

nel film Una notte all’opera del 1935, Groucho Marx che interpretava Otis Driftwood dice: «Tu lo pagherai un centinaio di dollari a notte solo per cantare? Perché? Puoi avere un disco di Minnie the Moocher per 75 centesimi! E per un dollaro e un quarto puoi avere direttamente Minnie…»

Ecco il testo di Minnie the Moocher:

Hey folks heres the story bout minnie the moocher
She was a lowdown hoocie coocher
She was the roughest toughest frail
But minnie had a heart as big as a whale

Hidehidehidehi (hidehidehidehi)
Hodehodehodeho (hodehodehodeho)
Hedehedehedehe (hedehedehedehe)
Hidehidehideho (hidehidehideho)

She messed around with a bloke named smokie
She loved him though he was cokey
He took her down to chinatown
And showed her how to kick the gong around

Hidehidehidehi (hidehidehidehi)
Whoah (whoah)
Hedehedehedehe (hedehedehedehe)
A hidehidehideho (hidehidehideho)

She had a dream about the king of sweden
He gave her things that she was needin
He gave her a home built of gold and steel
A diamond car with platinum wheels

A hidehidehidehidehidehidehi (hidehidehidehidehidehidehi)
Hodehodehodehodehodehodeho (hodehodehodehodehodehodeho)

He gave her his townhouse and his racing horses
Each meal she ate was a dozen courses
Had a million dollars worth of nickels and dimes
She sat around and counted them all a million times

Hidehidehidehi (hidehidehidehi)
Hodehodehodeho (hodehodehodeho)
Hedehedehedehe (hedehedehedehe)
Hidehidehideho (hidehidehideho)

Poor min, poor min, poor minnie

Lascia un commento