«

»

Calcio e musica punk con Derozer, Vicenza, Chelsea e Coppa Coppe 1998

Bellissimo connubio tra calcio e musica con lo street punk dei Derozer, il Vicenza, il Chelsea football club e la semifinale di Coppa Coppe 1998.

La band che ora fa canzoni impegnate con sfondi sociali o politici e che prima invece dava più spazio alla goliardia, nel 1998, a 9 anni dalla fondazione, ha inciso Fedeli alla tribù; si tratta di un brano che narra proprio l’avventura dei vicentini in Europa.

Ecco il testo di Fedeli alla tribù:

Una giornata a Chelsea
coi colori della squadra tua
una giornata insieme alla brigata

Una giornata a Londra
con la birra che va giù
e la tua vita per sempre è cambiata

Non sarà mai più come prima
dopo essere stato qui

Dopo aver visto la tua
squadra a Stamford Bridge

Ed alla prossima occasione
dovrai esserci anche tu

Purchè giuri di essere per sempre…
fedele alla tribù

E’troppo facile avere ancora in mente le immagini del Vicenza nella stagione 1998!
Come non ricordare quell’avventura, quel sogno della finale di Coppa delle Coppe ’98 sfumato nell’ultimo quarto d’ora del match con il Chelsea allo Stamford Bridge di Londra.

Certo davanti c’erano i Blues di Zola, Vialli e Di Matteo….

I veneti guidato da Guidolin erano una squadra operaia che si reggeva sui goals del “toro di Sora” Pasquale Luiso , cuore e tante gambe instancabili!
I biancorossi avevano raggiunto la semifinale eliminando il Legia Varsavia, lo Šakhtar Donec’k ed il Roda J.C..
Poi i berici si trovarono contrapposti al Chelsea dell’allenatore-giocatore Gianluca Vialli.

Italia-Inghilterra, mitica, ancora una volta, ma con la particolarità di avere tanti calciatori italiani nella trincea britannica.

Gli albionici non erano certo la squadra e la società di oggi, venivano da anni bui ed era chiaro che avrebbero lottato come leoni; ma allo stadio Menti la partita d’andata si chiuse 1-0 con goal di Zauli. Il ritorno allo Stamford Bridge iniziò nel migliore dei modi con un gol di Luiso al 32′, ma i Blues recuperarono subito con la rete di Poyet. Il primo tempo finì con l’ annullamento di quella che sarebbe stata la doppietta del “toro di Sora”. Nella seconda frazione andò a segno Gianfranco Zola portando il Chelsea in vantaggio, ma il Vicenza era ancora qualificata in virtù del goal fuori casa. A 15 minuti dallo scadere però, su un lancio lungo del portiere, andò a segno Mark Hughes che portò in finale i suoi.

Permalink link a questo articolo: http://www.footballa45giri.it/calcio-musica-punk-derozer-vicenza-chelsea-coppa-coppe-1998/